ITA
ENG
smalto su legno su alluminio,firmato,datato e titolato sul retro., Signed, titled an dated 1967, cm100x60x4,3

Provenienza
Galleria la Chiocciola Padova.

Soffitto (A 0072)

Il lavoro artistico di Gianfranco Pardi (1933 - 2012) si incentra fin dall'inizio della sua attività sullo studio dello spazio, sui pieni e i vuoti delle sue volumetrie pittoriche, sul rapporto tra astrazione e costruzione. Nel 1959 si tiene la sua prima personale a Brescia, alla Galleria Alberti, mentre l'anno seguente è ospitato dalla Galleria Colonna di Milano. Durante gli anni sessanta sviluppa uno stile che integra il disegno, la pittura, la scultura e l'architettura. Del 1965 è la sua partecipazione alla mostra collettiva La figuration narrative dans l'art contemporain a Parigi. Nel 1967 comincia la sua collaborazione con lo Studio Marconi di Milano e si dedica alla realizzazione di opere che sono una rilettura delle avanguardie storiche come l'Astrattismo, il Suprematismo, il Costruttivismo e il Neoplasticismo. Negli anni settanta sviluppa nelle sue Architetture la volontà di costruire e fondare uno spazio attraverso la pittura, poiché ritiene che tale mezzo espressivo possa produrre immediatamente l'idea. Le sue opere si sviluppano attraverso segni e gestualità geometriche che, insieme a poche cromie, lo aiutano ad esprimere il concetto di costruttività. Nel 1974, e in seguito nel 1993, partecipa alla XXVII Biennale del Palazzo della Permanente a Milano. Nel 1981 è all'interno di due importanti mostre collettive come Linee della ricerca artistica in Italia 1960/1980, al Palazzo delle Esposizioni di Roma, e Il Luogo della forma, al Museo di Castelvecchio di Verona. Nel 1984 l'Università di Parma gli organizza una grande antologica e due anni più tardi partecipa con una personale alla Biennale di Venezia, alla Triennale di Milano e alla Quadriennale di Roma. Tra la fine degli anni ottanta e i primi dei novanta realizza le opere delle serie Cinema, Monk e Maschere, concentrandosi sull'utilizzo di supporti in ferro. Successivamente la sua ricerca artistica si indirizza sul tema della 'Montagna-Sainte Victoire', ispirata alle opere di Cézanne, e ai cicli intitolati Nagjma, ispirati alla luce e alla notte di Tangeri, e Box, ovvero lavori realizzati con scatole di cartone. Nel 1998 Palazzo Reale a Milano ospita una sua personale. L'anno successivo gli vengono organizzate una serie di importanti mostre in Germania al Frankfurter Kunstverein di Francoforte, al Museo Bochum di Bochum e al Kulturhistorisches Museum di Stralsund, mentre nel 2000 si apre la sua personale dal titolo Homeless alla Galleria Giò Marconi di Milano.» del 2002 la retrospettiva Sheets tenuta alla Galleria Fumagalli di Bergamo, mentre nel 2003 espone di nuovo alla Galleria Giò Marconi con una serie di lavori dal titolo Danza e Restauro. Realizza nel corso della sua carriera numerose sculture per spazi pubblici e privati: 1988 Albergo Bellevue, Malcesine (Verona); 1995 Via XX Settembre, Roma; 1996 Nave Costa Vittoria, Genova; 1998 Casa Zanaria, Rue de Bièvre, Parigi; 1999 Soundtrack, SNAM San Donato Milanese (Milano); 2001 Box, Cascina Mangiagruppa Zeme Lomellina (Pavia); 2002 Sheet, ACF Contact Brembate Sopra (Bergamo); 2006 Danza, Piazza Amendola, Milano. È membro dell’Accademia Nazionale di San Luca dal 2008. Muore a Milano il 2 febbraio del 2012.

One Artist Exibition :
Nasce nel 1933 a Milano, e qui muore nel 2012. Insegna all’Istituto Europeo di Design, alla Nuova Accademia, alla Domus Academy a Milano. Prima mostra personale alla Galleria Alberti di Brescia (1959). Partecipa a: “La figuration narrative dans l’art contemporaine” a Parigi (1965), “Il Salon de la Jeune Peinture” a Parigi (1968), “L’International Kunstmesse” a Basilea (1970), “20 Artistas Italianos” al Museo d’Arte Moderna di Città del Messico (1971), “Linee della ricerca artistica in Italia 1960/1980” al Palazzo delle Esposizioni di Roma (1981), “Arte Italiana 1960/1980” all’Hayward Gallery di Londra (1982), alla Biennale di Venezia (1986), alla Triennale di Milano (1986, 1992), alla Quadriennale di Roma (1986), “Dieci anni di acquisizioni 1979/1989” al PAC di Milano (1987), “Italian Contemporary Art” a Tawain (1990), “Die Andere Richtung der Kunst” a Colonia (1998), “Pop Art Italia” alla Petr Gwyter Gallery di Londra (2000), “Verso il fiume-Progetti di spazi pubblici” a San Donà di Piave (2002), “Drawings for sculpture” al Patriothall di Edimburgo (2002), “La Scultura italiana del XX secolo” alla Fondazione Arnaldo Pomodoro (2005), “Pittura aniconica” a Mantova (2008). Personali allo Studio Marconi a Milano (1967, 1969, 1971, 1976, 1983), alla Galleria Foncke di Gand (1969, 1972), alla AAM Architettura e Arte Moderna di Milano (1977), le mostre al Mercato del Sale di Milano (1982), alla Wirtz Gallery di San Francisco (1982), alla Galleria Giò Marconi di Milano (1991, 1998, 2000, 2003), alla Frankfurter Westend Galerie di Francoforte (1993, 1999), al Palazzo Reale di Milano (1998). Tra le installazioni permanenti in spazi urbani: all’Albergo Bellevue a Malcesine (1988), in via XX Settembre a Roma (1995), alla SNAM San Donato Milanese (1999), alla Promatech a Bergamo (2003), Farmafactoring di Milano (2003). Membro dell’Accademia Nazionale di San Luca dal 2008.



- See more at: http://www.accademiasanluca.eu/it/accademici/id/367/gianfranco-pardi#sthash.ySxwesAa.dpuf

Gianfranco* Pardi