ITA
ENG
Acrilico su tela sagomata,non firmato ma con Alonzo Gallery New York,etichetta affissa sul retro., 1972, 27''x29''x3'' inches.

Provenienza
-Alonzo Gallery,New York.
-Clarke Auction,New York

Elements ()

Shozo Nagano (1928 - 2008) L'artista nato in Giappone proviene da Kanazawa, una città sulla costa settentrionale dell'isola di Honshu. Ha studiato alla Kanazawa Fine Arts University durante i giorni caotici del Giappone Occupato. Nagano ha iniziato a mostrare il suo lavoro nelle gallerie di Tokyo come parte del gruppo "Timismo": una sciolta associazione di artisti astratti il ​​cui manifesto ha cercato di accendere una moderna estetica giapponese sulle braci del fuoco smorzato della nazione. All'inizio degli anni Sessanta, ha deciso di scambiare le relative certezze della sua patria per la vita di un artista espatriato. Inizialmente navigava attraverso il Pacifico su un trampolino da traino per Santiago, Cile, dove poteva esplorare per la prima volta la sua visione nei confronti di una cultura "Nuovo Mondo". Nel 1965 si diresse verso New York City, vivendo un'esistenza sconvolgente in una tenuta di East Side e dipingendo sulle lenzuola da Macy quando non poteva permettersi la tela. Era durante i suoi primi anni a New York che Nagano ha iniziato a sperimentare con il formato a tela di canapa che è venuto a caratterizzare il suo lavoro. Alla fine degli anni Sessanta, ha creato una serie di dozzine di tele monumentali ispirate al Nuovo Testamento di Apocalisse, esposto alla storica Chiesa Presbiteriana di Lafayette Avenue di Brooklyn. Fu allora rappresentato dalla Galleria Alonzo a New York City e successivamente dalla Galleria Sindin e aveva mostre importanti presso il Berkshire Museum, SUNY / Albany, Squibb Center e altre località di rilievo. Alcuni dei suoi pezzi durante questo periodo sono stati acquistati per la collezione James Michener e per la collezione di attori Cary Grant e Steve Martin. Ha esposto le sue tele astratte a forma di dipinti in legno alla Galleria Anita Shapolsky nel 1983 e 84. Ha anche esposto negli anni la Fondazione A. S. Art.

Shozo* Nagano